logodanise

info & Contatti

danisescugnizzodeljazz@gmail.com


facebook
twitter
youtube

facebook
twitter
youtube

 

Danise/blog

04/07/2018, 14:13

socrate, danise, scugnizzo, freenoting



Freenoting---Risveglia-il-tuo-istinto-con-il-<<metodo-socratico>>


 L’istruzione è ciò che rimane dopo che una persona ha dimenticato tutto quello che ha imparato a scuola. A.Einstein



Oggi, quando parliamo di educazione o più in generale di apprendimento, le prime immagini che ci vengono alla mente sono le ore passate tra i banchi di #scuola o dell’università. Tendenzialmente non associamo un bel ricordo a quei momenti, è più facile invece che prevalgono stress, ansia o la sensazione di avere la testa così piena d’informazioni da non riuscire neanche più ap pensare. In realtà, se ci soffermiamo ad analizzare il significato etimologico del verbo <<educare>>, scopriremo che in latino significa letteralmente <<metodo socratico>>.

Circa centocinquant’anni fa si è passati dall’educazione all’insegnamento, abbandonando così l’approccio socratico. I metodi attuali presumono che lo studente sia una lavagna vuota, una tabula rasa creata apposta affinché l’insegnante la possa riempire; non si è più incentivati a estrapolare l’infinita saggezza presente in ogni individuo. "L’istruzione è ciò che rimane dopo che una persona ha dimenticato tutto quello che ha imparato a scuola." A.Einstein Con questa affermazione einsteiniana, un po’ provocatoria, vogliamo parlarti di uno strumento molto potente capace di risvegliare il genio che c’è in te, dando libera espressione alle tue intuizioni. Questo strumento è conosciuto con il nome di <<freenoting>> 

E’ un’attività mentale capace di risvegliare il tuo istinto, la tua parte intuitiva lasciando per esempio che la lezione impartita dall’insegnante penetri nel cervello a livello subliminale.  

Tale tecnica prende spunto da quell’impulso che spingeva le antiche menti classiche ad annotare brevi commenti a caldo ai margini dei testi tutte le volte la letteratura catturava la loro attenzione.  

Questo strumento si basa essenzialmente nel buttare giù, in un momento qualsiasi, ogni cosa che ti passa per la mente, mentre stai ascoltando un brano musicale, una lezione o una conferenza, oppure stai semplicemente ammirando un paesaggio e ascoltando i suoni della natura.  Immaginiamo per esempio di essere a scuola, all’università, a un convegno o a un incontro a tema.  

 Possiamo tradurre il termine <<freenoting>>  con << prendere appunti liberamente>>, senza sforzarci di comprendere a fondo ogni passaggio di quanto viene dato. 

A partire dal tema della relazione o della lezione cui si assiste, bisogna lasciarsi guidare dall’inconscio e lasciar fluire pensieri, parole, che dovranno essere annotati su un quaderno.  E’ importante scrivere in modo costante e veloce, deve risultare impossibile seguire consciamente l’argomento della lezione, che verrà invece assorbito a livello subliminale. 

Questo strumento è considerato da molti scettici come l’equazione perfetta dell’inutilità, della perdita di tempo, i quanto si basa sul non prestare attenzione.  In realtà, se ti darai la possibilità di sperimentarlo, ti renderai conto che ricorderai molto di più e di avere un livello di comprensione e di conoscenza alla fine della lezione decisamente più profondo rispetto a chi si sia sforzato di seguire il discorso alla lettera, mantenendo costante la concentrazione. 

Siamo consapevoli di lanciarti una sfida: sopratutto se sei uno studente universitario, starai pensando che di quella materia, con quel professore, non puoi assolutamente permetterti di perdere neanche una virgola, vuoi perché troppo difficile, vuoi perché troppo interessante, vuoi perché troppo noiosa, In ogni caso, non ti resta che provare!

 BASTANO POCHE REGOLE! 

Ecco alcuni semplici accorgimenti per eseguire correttamente questa tecnica.  

Frequenta una lezione munito di bloc - notes e registratore: in questo modo potrai riascoltarla in seguito.  

Scrivi velocemente mentre lascia la mente libera di vagare.  

Non censurare le idee, le immagini che ti vengono alla mente, non fare una distinzione tra ciò che ti appare bello e ciò che ti appare meno bello, non puoi riconoscerlo finché non lo vedrai scritto. 

Non fermarti, non esitare. L’obbiettivo è quello di forzare un flusso di dati verso l’esterno. 

Utilizza schizzi, diagrammi, rappresentazioni visive per facilitare la scritture.

Giacomo Navone, Massimo De Donno, Luca Lorenzoni


1
Create a website